• dieta equilibrata

La dott.ssa Beatrice Savioli è specializzata in dietologia e scienza dell'alimentazione ed effettua terapie e trattamenti per anoressia, cura della bulimia, diabete, disturbi del comportamento alimentare, intolleranze alimentari, obesità e problemi di alimentazione.

Cosa aspettate.. affidate la vostra salute solo ad esperti.

Alimentazione durante l'allattamento

lo studio

Sono da evitare alcuni alimenti da parte della madre durante l’ allattamento in quanto possono cambiare il sapore del latte e renderlo sgradevole al palato del bambino; e quindi si eviterà la famiglia dei cavoli, aglio, asparagi, cipolle, carciofi, prezzemolo, peperoncino, aglio, genziana.

Altri cibi possono creare pesantezza e meteorismo nel piccolo e quindi la madre dovrà limitare l’ingestione di aceto, salumi, conserve, formaggi fermentati, spezie piccanti, alcool, caffè, cioccolato, tea, salvia e tutti gli alimenti precotti.
 
Da evitare anche la menta e il prezzemolo che possono ridurre notevolmente la secrezione lattea.
 
Poi ovviamente sono da evitare assolutamente la nicotina che può rendere irritabile e agitato il neonato fino all’insonnia; i farmaci sono da evitare, possibilmente, in quanto passano nel latte e vengono assimilati anche dal bambino.

Alimentazione in gravidanza

L’ alimentazione che la madre ha svolto prima della gravidanza e che svolgerà durante la gravidanza stessa è molto importante per lo sviluppo ottimale del feto e per il periodo dell’allattamento stesso.

Non sempre è un evento calcolabile, ma in tutti i casi se ci si può preparare all’evento da un punto di vista fisico, penso che i fattori che rivestono maggiore importanza per una buona gravidanza e quindi anche per un corretto sviluppo fetale, possano essere: - il giusto peso corporeo – la correttezza di alcuni parametri di laboratorio – il giusto equilibrio di minerali e vitamine – l’assenza di metalli tossici - l’assenza di intolleranze alimentari – la non presenza di infezioni opportunistiche. Il miglior consiglio è quello di presentarsi a questo evento avendo seguito una corretta alimentazione e in normopeso in modo tale che il recupero per la madre sia dei più veloci e naturali.
Non sempre è un evento calcolabile, ma in tutti i casi se ci si può preparare all’evento da un punto di vista fisico, penso che i fattori che rivestono maggiore importanza per una buona gravidanza e quindi anche per un corretto sviluppo fetale, possano essere: - il giusto peso corporeo – la correttezza di alcuni parametri di laboratorio – il giusto equilibrio di minerali e vitamine – l’assenza di metalli tossici - l’assenza di intolleranze alimentari – la non presenza di infezioni opportunistiche. Il miglior consiglio è quello di presentarsi a questo evento avendo seguito una corretta alimentazione e in normopeso in modo tale che il recupero per la madre sia dei più veloci e naturali.
Spesso i disturbi dati dall’alimentazione possono essere dati dall’alimento in sé ma anche da scorrette combinazioni alimentari che impegnano l’organismo in processi digestivi contrastanti tra loro. Si consiglia di assumere specialmente in questo periodo della vita come in tutti gli altri periodi una alimentazione varia, sana, soprattutto ricca di alimenti biologici e seguire piccole accortezze giornaliere.
SAVIOLI DOTT.SSA BEATRICE - BIOLOGA NUTRIZIONISTA | 28, Via Giardini - 41124 Modena (MO) | P.I. 02060950355 | Cel. 347 8284727 | beatrice.savioli@libero.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy